Caratteri

Bottega

Immaginate di entrare in una bottega, negli antri scuri e legnosi del laboratorio di un mastro. Immaginate di osservarlo mentre pondera, mentre le sue mani nodose scavano trucioli dal legno.
Bottega” vi porta in un cammino che osserva la narrazione come un mestiere artigianale, pratico, fisico, faticoso: fatto di tentativi e apprendistato, come della mano unica di ogni artefice.

Da cosa nasce un racconto, una forma, un personaggio?

Scoprirete le suggestioni, le occasioni, i pensieri da cui nascono le narrazioni di ogni numero di Caratteri. Benvenuti nella tana del mastro, del lupo e delle chimere.

Bottega "99.8"

È lunedì 9 febbraio 1976, su Bologna il sole spunta dalle nuvole e una piccola antenna sul tetto di una mansarda in Via del Pratello comincia a trasmettere. Qualche giorno prima, però, quell’antenna al numero civico 41 non c’era. Poco più di trent’anni prima, a dire il vero, se ne stava direttamente su un carro armato americano che polverizzava crucchi, e invece adesso guarda i piccioni della Rossa, un po’ impolverata ma bella dritta, e funziona…

Com'era nata mtt

Accade che nei giorni d’inverno, quando sono a casa, in piedi, appoggiata al camino, io ascolti le conversazioni dei miei genitori. 
Di solito mio padre è appena rientrato dal paese e racconta a mia madre, un po’ attenta un po’ distratta, che cosa ha sentito…

Eravamo sui colli

Siamo sui colli, io e Amalia, un pomeriggio d’estate appena iniziata.
Due bambini giocano a palla e il bimbo chiama la bimba: “Almaaa, passa la palla!”. Io sorrido.
Mia nonna si chiamava Alma e il suo nome non l’avevo mai sentito altrove, se non su di lei. Allora inizio, iniziamo a parlare io e Amalia…